Partita da dimenticare per i ragazzi di coach Fantin, che avevano una ghiotta opportunità di blindare il terzo posto in caso di vittoria.

Ma vittoria non è, ed anzi la partita con Udine è un’ennesima lezione (dopo Pall. Ts e Azzurra).

Dopo la prova convincente dell’andata contro il team di Micalich, i padroni di casa avevano una brutta figura da riscattare; il primo periodo, però, vede i bianco – verdi stare in scia per tutti i primi 10′ arrendendosi solo sul 22-18 con una tripla da metà campo proprio del beniamino udinese.

E’ dall’inizio del secondo quarto che Cordenons esce dalla partita, in attacco non c’è sicurezza e fluidità e non si fa mai canestro (4 punti nei secondi 10′), in difesa permette contropiedi su contropiedi e tanti rimbalzi offensivi. Il risultato è 47-22 all’intervallo.

Al rientro dagli spogliatoi Lomele e compagni provano quantomeno a salvare la faccia, ma proprio non è giornata: anche il terzo quarto è dominato dagli udinesi che finiscono sul 61-28.

L’ultimo periodo non ha nulla da dire alla partita, e i cordenonesi non vedevano l’ora finisse. Finisce 75-41 per l’Apu che continua a rincorrere il sogno secondo posto. La 3S, invece, rischia il quinto posto: tutto dipende dall’ultima sfida contro l’Azzurra Trieste di Visintin sabato 29 aprile alle 15 al palazzetto di Cordenons.

APU GSA UDINE – BOT UNIPERSONALE 75-41 (22-18, 47-22, 61-28)

UDINE: Bonello 6, Micalich F. 6, Zucconi 2, Pittioni 7, Parri, Venturi 22, Serino 6, Moroni ne, Susana 6, Micalich E. 17, Beorchia 2. All. Casirianni, Ass. Terenzani

BOT UNIPERSONALE: Bortolus, Brusadin 3, Molent, Valese 2, Nicolao 3, Dal Maso, Della Toffola 7 (16 rebs), Ndompetelo 9, Lomele 15 (8 rebs), Scola 2. All. Fantin, Ass. Brusadin

Arbitri: Fornaro e Ceolin

Andrea Brusadin

Dopo la fatica fatta contro Fiume Veneto, c’è voglia di riscatto da parte dei ragazzi di coach Fantin (nell’occasione allenati dall’assistente Brusadin).

Pronti, via e Cordenons subito che guida la gara partendo dalla difesa per correre in attacco; nel finire di primo periodo, però, i bianco – verdi si distraggono un po’ troppo e permetto agli udinesi di tornare lì. 20-17 alla fine dei primi 10′.

Nel secondo quarto la difesa si alza e, concedendo solo 7 punti agli avversari, la Bot si porta sul +22 all’intervallo (46-24).

Al rientro dagli spogliatoi la musica non cambia, la 3S ha capito come giocare questa partita e non accenna ad arrendersi. 66-35 dopo 30′.

Anche nell’ultimo periodo, nonostante il grande vantaggio, la pressione e l’atteggiamento dei cordenonesi è quello giusto, tanto da aumentare il divario anche negli ultimi 10′. Il match finisce 89-44 per i bianco – verdi.

BOT UNIPERSONALE – LAIPACCO 89-44 (20-17, 46-24, 66-35)

BOT UNIPERSONALE: Bortolus 2, Moroldo 3, Brusadin 6, Molent 3, Turrin 2, Valese 3, Nicolao 19, Baccin 4, Dal Maso 7, Della Toffola 15 (14 rebs), Ndompetelo 18, Lomele 7. All. Brusadin, Ass. Fantin

LAIPACCO: Fattori, Santini, Martincig 11, Radosavljevic 2, Zilli, Piccoli 4, Leita 2, Pitasso 4, Barbante 4, Tessitori 14, Fiorini, Nicolicchia 2. All. Zucca, Ass. Grison

Arbitri: Gava e Lot

Andrea Brusadin

Dopo il rinvio per ben due volte, finalmente la 3S targata Bot affronta Fiume Veneto di coach Consonni.

L’inizio partita è targato Cordenons, con gli ospiti che fanno fatica a trovare buone soluzioni offensive e soffrono molto la fisicità dei bianco – verdi. 24-13 dopo i primi 10′.

I seguenti 10′ vede la reazione dei fiumani, che aggrappati all’orgoglio cominciano a giocare una bella pallacanestro e mettono in difficoltà i padroni di casa vincendo 15-10 il secondo periodo. Si va negli spogliatoi con il tabellone che recita 34-28 per la Bot.

Al rientro dagli spogliatoi, Cordenons flirta con il “mamma butta la pasta” ma la tenacia degli ospiti non glielo permette; Cordenons più volte mette più di 10 punti di differenza tra loro e gli avversari, ma non riescono a chiudere il match. 46-36 dopo 30′.

Nell’ultimo quarto accade quello che la 3S non vuole: i locali mollano la presa, mentre gli ospiti non mollano e riescono a ricucire tutto il gap presente. A pochi secondi dalla fine Fiume Veneto è a -3 (61-58) e Di Noto subisce fallo da tre punti da Lomele. 3/3 e overtime.

Nell’overtime Ndompetelo si carica la squadra sulle spalle e, ben supportato da Della Toffola e Nicolao, riesce a chiudere il match sul 68-62.

Il prossimo appuntamento dei ragazzi di coach Fantin nel campionato u14 è fissato per domenica 8 aprile alle 15 al palazzetto di via Avellaneda contro Laipacco.

BOT UNIPERSONALE – FIUME VENETO 68-62 dts (24-13, 34-28, 46-36, 61-61)

BOT UNIPERSONALE: Bortolus 6, Brusadin 3, Molent, Turrin, Valese 3, Nicolao 12, Della Toffola 8 (19 rebs), Ndompetelo 26 (10 rebs), Lomele 10 (11 stl, 9 rebs), Scola. All. Fantin

FIUME VENETO: Pizzinato 9, Capovilla, Minetto 9, De Nadai, Di Noto 15, Veronese 12, Zucchet 1, Ciman ne, Scarso, Peresson 14. All. Consonni

Arbitri: Tamai

Andrea Brusadin

Dopo la batosta presa da Trieste, è la volta del Liventeam di coach Tison.

Partita non semplice, e si rivela tale. Coach Fantin si permette di mischiare determinati quintetti nei primi 20′ di gioco.

Il primo periodo vede le due compagini equivalersi per quasi tutto il tempo, ma Cordenons ha quel guizzo in più nel finale di periodo e finisce in vantaggio per 17-8.

Nell seconda frazione la squadra ospite continua ad essere una lampadina (on/off in continuazione), mentre i padroni di casa sono bravi ad essere determinati e sempre sul pezzo; si va sugli spogliatoi col punteggio di 33-20 per i bianco – verdi.

Al rientro in campo la Bot continua ad essere superficiale, non difende e non sceglie buone soluzioni offensive: il risultato è che il Liventeam acquisisce fiducia e rimonta fino al -4, chiudendo dopo 30′ sotto di 6 lunghezze (42-36).

Bastano un paio di minuti dell’ultimo quarto ai ragazzi cordenonesi per chiudere la partita, semplicemente essendo aggressivi in difesa alzando l’intensità e correndo comodamente 1v0 in contropiede. Il punteggio finale è di 60-44 per la 3S.

Il prossimo appuntamento per i ragazzi targati Bot nel campionato u14 è fissato per domenica 8 aprile vs Laipacco alle 15 al palazzetto di Cordenons.

LIVENTEAM – BOT UNIPERSONALE 44-60 (8-17, 20-33, 36-42)

LIVENTEAM: Buset, Bellè ne, Tison 2, Del Ben ne, Mariotto, Mazzariol, Ros 6, Polles 2, Gattel 19, Minelle 4, Tadiotto 4, Moro 7. All. Tison

BOT UNIPERSONALE: Bortolus 2, Moroldo, Brusadin, Molent 3, Turrin 2, Valese, Nicolao 8 (11 rebs), Dal Maso 6, Della Toffola 6 (9 rebs), Ndompetelo 20 (10 rebs), Lomele 13 (9 rebs). All. Fantin, Ass. Brusadin

Arbitri: Palombi e Mattiuz

Andrea Brusadin

Era una partita attesa, dopo il -13 dell’andata, per verificare i miglioramenti/peggioramenti fatti.

Fin dalla palla a due il match prende una strada, seppur ben condotto dai bianco – verdi per gran parte dei primi 10′. 16-10 Trieste.

Dal secondo quarto inizia, per non finire più, il black out dei padroni di casa, complice la super aggressività e fisicità dei giuliani; il secondo parziale è letale e si va negli spogliatoi con l’Alma che conduce 37-19.

Al rientro dagli spogliatoi Lomele e compagni provano a cambiare marcia e cercano di salvare quantomeno la dignità, ma la costanza ospite non lo permette: dopo 30′ il tabellone recita 57-28 Trieste.

L’ultimo quarto è identico ai due precedenti, con i ragazzi di coach Pensabene che continuano a schiacciare l’acceleratore fino alla sirena del minuto 40. Cordenons, ad ora, non può nulla contro un’autentica corazzata per il campionato corrente. 76-37 il punteggio finale.

BOT UNIPERSONALE – PALL. TRIESTE 2004 37-76 (10-16, 19-37, 28-57)

BOT UNIPERSONALE: Bortolus, Moroldo, Brusadin, Molent, Turrin, Valese 6, Baccin, Dal Maso 7, Nicolao 2, Della Toffola 8, Ndompetelo 12 (7 rebs), Lomele 2 (12 rebs). All. Celotto, Ass. Brusadin

PALL. TRIESTE: Rolli 11, De Giuseppe 3, Eva 7, Losi Micky, Melis 2, Ukmar 2, Bonano 16, Tagliaferro 13, Galasso 4, Piccin 7, Persico 3, Giovanetti 7. All. Pensabene, Ass. Nocera e Pecile

Arbitri: Citton e Lot

Andrea Brusadin

Sono serviti 55′ effettivi di gioco per sancire una vincitrice in questo big match del campionato u14 Elìte.

I primi 20′ minuti sono in sostanziale equilibrio; il primo periodo finisce sul +6 per i bianco – verdi, e alla pausa lunga il tabellone recita 43-38 sempre per Cordenons.

Al rientro dagli spogliatoi i locali hanno il coltello tra i denti e la faccia cattiva di chi ha voglia di vincere: quello che manca nel terzo quarto ai ragazzi di coach Fantin. Dopo essere stati sotto per la prima volta nella partita, Bortolus e compagni riescono a concludere avanti di una lunghezza il terzo periodo (63-62).

E’ qui che comincia ad essere uno scambio di battute continuo, con Ndompetelo e Lomele da una parte e Bot, Geromin e Valoppi.

A qualche minuto dalla fine, Cordovado prende un bel vantaggio di 5 lunghezze, mentre Cordenons fatica a trovare la via del canestro; a 3 decimi dalla fine, sul -1 (84-83) Ndompetelo subisce fallo e ha la prima opportunità per chiudere il match: 1/2 e overtime.

Il primo tempo supplementare, come gli altri due, vede la compagine casalinga avere più garra e più risorse fisiche partendo molto bene e andando subito sul +5 (89-84); la caparbietà della 3S porterà di nuovo alla parità sul 93-93 al 45′. Secondo overtime.

Nel secondo supplementare la squadra ospite comincia ad essere stremata, e trova solo soluzione individuali con Ndompetelo, Lomele e Valese senza trovare la continuità che serve; invece, i padroni di casa, hanno ancora molte risorse e le sfruttano tutte correndo in contropiede. Alla fine dei 50′ Lomele ha la possibilità di chiudere il match su una palla recuperata. Niente da fare. 107-107. Terzo overtime.

Negli ultimi 5′ la 3S non ce la fa più, non difende e non attacca: risultato 11-0 e 118-107. Gli ultimi 2′ anche la squadra di coach Pivetta sente la stanchezza e i bianco – verdi riescono a rosicchiare qualche punticino tenendo la differenza punti guadagnata nella gara di andata. Il risultato finale è di 119-112 per Cordovado.

Il prossimo impegno per i ragazzi targati Bot è fissato per oggi (domenica 11 marzo) alle 15 al palazzetto di Cordenons contro la temutissima Pall. Ts.

CORDOVADO – BOT UNIPERSONALE 119-112 d3ts (18-24, 38-43, 62-63, 84-84, 93-93, 107-107)

CORDOVADO: Valoppi 28, Bot G. 46, McCanick 16, Bot T. 8, Colussi ne, Melicchio ne, Bernard ne, Pasqualini, Geromin 17, Della Mora, Lizzani ne, Ingegnoli 4. All. Pivetta

BOT UNIPERSONALE: Bortolus 9 (6 rebs, 6 ast), Brusadin 2, Molent 2, Valese 18, Nicolao 2 (13 rebs), Dal Maso 6, Ndompetelo 34 (17 rebs), Lomele 34 (25 rebs, 8 ast), Casara 3, Scola 2. All. Fantin, Ass. Brusadin

Arbitri: Tamai e Fantuz

Andrea Brusadin

Dopo un paio di settimane senza giocare, i ragazzi di coach Fantin tornano in campo ed ad attenderli c’è San Daniele di coach Sgoifo.

Reduci da una brutta prestazione in quel di Gonars, Lomele e compagni erano chiamati a fare una bella figura.

L’avvio promette bene, 10-0 di parziale nei primi 2′; nei primi 10′ la compagine cordenonese è in vantaggio per 29-15.

Secondo quarto impattato: San Daniele non molla, mentre la Bot non mette quell’aggressività difensiva che servirebbe a chiudere definitivamente il match. Si va negli spogliatoi sul 45-30.

Nel terzo parziale gli ospiti sembrano stanchi e non riescono a mantenere i ritmi dei bianco – verdi, che con svariate azioni di contropiede si portano sul +20 (63-43)-.

La benzina ospite è definitivamente finita negli ultimi 10′, e Cordenons si diverte correndo per il campo; il risultato finale è di 84-52.

Il prossimo impegno per i nostri ragazzi è fissato per domenica 25 febbraio presso il palazzetto di Cordenons dove avrà luogo il Join The Game. Giovedì 1 marzo alle 15 sempre al palazzetto andrà di scena il derby contro Fiume Veneto di coach Consonni.

 

BOT UNIPERSONALE – SAN DANIELE 84-52 (29-15, 45-30, 63-43)

BOT UNIPERSONALE: Bortolus 13, Moroldo 1, Brusadin, Molent, Turrin, Valese 4, Baccin, Nicolao 3, Dal Maso 9, Della Toffola 18 (13 rebs, 10 fd), Ndompetelo 20 (12 rebs), Lomele 16 (10 rebs). All. Fantin, Ass. Brusadin

SAN DANIELE: Cescutti 5, Kicev 5, Bravin 5, Viola 19, Bano 2, Bellese 2, Quai 6, Celotti, Polo 4, Onoto, Duic 1, Ortis 1. All. Sgoifo

Arbitri: Angeli e Miniutti

Andrea Brusadin

Settimana particolare ed importante per i ragazzi di coach Fantin, che affrontano l’Azzurra Trieste mercoledì 31 gennaio per l’ultima giornata di andata: vale il secondo posto momentaneo.

Già dalle prime battute Lomele e compagni compaiono spaesati e impauriti davanti all’organizzazione ed alla maturità dei giuliani.

Nel primo periodo, dopo aver giocato ad armi pari per 8′, i bianco – verdi lasciano la presa facendosi massacrare dagli ospiti: 22-13 dopo i primi 10′.

Il secondo quarto continua sui binari del primo, Visintin guida la truppa triestina verso la giusta direzione, mentre il solo Ndompetelo non basta per Cordenons; alla fine dei primi 20′ l’Azzurra guida il punteggio sul 40-22.

A poco servono le strigliate dei coach, al rientro dagli spogliatoi i triestini continuano a giocare con maturità e semplicità, mentre la 3S non riesce mai a trovare un gioco fluido e di squadra, complice la difesa tenace dei padroni di casa: 63-56 alla fine del terzo quarto.

L’ultimo quarto, a partita conclusa, vede una mini reazione da parte dei cordenonesi che provano a salvare il proprio orgoglio, ma Visintin e soci non ci stanno e fino al 40′ giocano con l’intensità del primo minuto. La partita finisce sul 85-50 in favore dell’Azzurra Trieste.

E’ stata una bella lezione di come il talento non è tutto: nonostante il talentuosissimo Visintin, coach Ponga può contare su altri talentini nel roster, ma nonostante ciò abbiamo incontrato una squadra che non molla mai, dal primo all’ultimo minuto; una squadra auto esigente e matura.

Solo 3 giorni dopo la gita triestina, Dal Maso e compagni sono impegnati nella partita contro Gonars, valida per la prima giornata di ritorno.

Privi di Lomele per problemi fisici, i ragazzi di coach Fantin hanno di fronte un bel test di maturità.

Fin dalla prima azione, si predilige una partita difficilissima; nel primo periodo i bianco – verdi non riescono ad attaccare il ferro con continuità, ma soprattutto non difendono: 21-9 per i padroni di casa alla fine dei primi 10′.

Nel secondo quarto la musica cambia: Cordenons comincia a difendere e aumenta l’intensità in tutto il campo correndo in contropiede, concedendo poco e nulla agli avversari e riagganciandoli nel punteggio. 27-26 all’intervallo lungo.

Al rientro dagli spogliatoi la 3S continua da dove aveva terminato, fa della difesa l’arma principale correndo in contropiede; ma nella pallacanestro non si vince solo difendendo, bisogna fare anche canestro: questo è il principale problema odierno, perché gli ospiti litigano con i ferri di via Ellero. Alla fine del terzo periodo il tabellone recita 42-36 per i bianco – verdi.

L’ultimo periodo è un incubo: la difesa resta sempre il punto forte degli ospiti, ma il feeling con il canestro non migliora e questo fa si che la partita non prenda una direzione. Negli ultimi 4′, Cordenons tenta 12 tiri liberi non mandandone a segno uno. Il match termina sul 51-44 per Della Toffola e soci, ma quanta fatica!!!

Il prossimo appuntamento per gli u14 è fissato per domenica 11 febbraio alle 15 contro il Fiume Veneto di coach Consonni.

AZZURRA TRIESTE – BOT UNIPERSONALE 85-50 (22-13, 40-22, 63-36)

TRIESTE: Suerz 2, Covi 4, Gallo 13 (7 rebs), Mermoglia 2, Baudaz 5, Gregori 4, Cigotti, Visintin 37 (10 rebs, 13 stl), Camporeale 13 (15  rebs), Zacchigna 3, Lo Duca 2. All. Ponga, Ass. Serschen, Cernivani

BOT UNIPERSONALE: Bortolus 3, Brusadin, Molent 2, Turrin, Valese 5, Nicolao 3, Dal Maso, Della Toffola 7 (9 rebs), Ndompetelo 19 (8 fd), Lomele 11 (10 rebs). All. Fantin, Ass. Brusadin

Arbitri: Giust e Gesù

 

GONARS – BOT UNIPERSONALE 44-51 (21-9, 27-26, 36-42)

GONARS: Tuan 6, Toniutti, Di Leo ne, Billia, Martinelli, Cuccu 6, De Biaggio 7, Fabro ne, Lacovig 8, Malisan 6, Masolini 5, Maran 6. All. Parpingi

BOT UNIPERSONALE: Bortolus 5, Moroldo 2, Brusadin, Molent 4, Valese 2, Nicolao 6 (9 rebs), Dal Maso 4, Della Toffola 13 (22 rebs, 10 fd), Ndompetelo 15 (8 rebs, 6 stl, 6 fd), Geronazzo, Quattrin, Scola. All. Fantin, Ass. Brusadin

Arbitri: Calabrese e Silvestri

 

Andrea Brusadin

Il secondo vero test per i ragazzi di coach Fantin si chiama Apu Udine.

La partita inizia bene per i cordenonesi che grazie alle giocate di Lomele e Ndompetelo si portano in vantaggio sul 24-18 alla fine del primo quarto nonostante le prodezze di Micalich.

Il secondo quarto continua sulla cresta dell’onda dell’entusiasmo per Cordenons che continua a colpire in contropiede arrivando fino al +14 (43-29); un colpo di reni di Udine la porta a -7 (43-36) all’intervallo con una bomba da 8 metri di Micalich.

Al rientro dagli spogliatoi continua il tira e molla dei bianco – verdi che alternano momenti positivi a momenti negativi: toccano più volte il +11, ma non riescono mai a consolidarlo ed a chiudere il match. Il terzo periodo finisce sul 57-49.

Per l’ennesima volta nella partita, i padroni si costruiscono un vantaggio sostanzioso che poi butteranno via: nei minuti finali Udine torna a -6 con altre due bombe consecutive da parte di Micalich.

Il risultato finale è 71-65 in favore di Cordenons che esce vittoriosa da una partita tutt’altro che facile.

Il prossimo impegno per i nostri ragazzi è fissato per mercoledì 31 gennaio in casa dell’Azzurra Trieste, attualmente prima in classifica a parimerito con Lomele e compagni.

 

BOT UNIPERSONALE – APU UDINE 71-65 (24-18, 43-36, 57-49)

BOT UNIPERSONALE: Bortolus 6, Moroldo, Brusadin, Molent 2, Turrin, Valese, Baccin, Nicolao 9 (9 rebs), Dal Maso 9, Della Toffola 8 (14 rebs), Ndompetelo 16 (12 rebs), Lomele 21 (13 rebs). All. Fantin, Ass. Brusadin

APU UDINE: Bonello, Zucconi, Pittioni 6, Parri 1, Venturi 17, Serino 2, Moroni 8, Susana 2, Micalich 25, Ciubotaro, Carnielli 4. All. Castrianni, Ass. Terenzani

 

Arbitri: Miniutti e Palombi

Andrea Brusadin

Rientro dalle vacanze, sulla carta, facile per i ragazzi di coach Fantin.
Tutto secondo copione, nonostante qualche assenza.
Primo quarto che subito dà un’impronta alla partita, finisce 31-16 per i bianco – verdi.
Nel secondo quarto il match continua sugli stessi binari, anche se le impressioni che danno i ragazzi di coach Zucca sono più che positive.
Si va negli spogliatoi con il tabellone che recita 47-27 per gli ospiti.
Al rientro dagli spogliatoi coach Fantin si prende il lusso di dare ampie rotazioni al suo team, dando l’opportunità a tutti di dire la propria.
Il terzo periodo finisce sul 70-42, mentre alla sirena finale il punteggio si fissa sul 94-58 per i ragazzi targati Bot Unipersonale.
Il prossimo appuntamente per i nostri atleti è fissato per mercoledí 17 gennaio alle 18 alle medie di Cordenons, contro l’APU Udine.

LAIPACCO – BOT UNIPERSONALE 58-94 (16-31, 27-47, 42-70)
LAIPACCO: Fattori, Santini, Martincig 13, Radosavljievic, Zilli 6, Piccoli 10, Leita 6, Pitasso, Tessitori 19, Fiorini 2, Nicolicchia. All. Zucca
BOT UNIPERSONALE: Brusadin 5 (7 rebs), Molent 7, Turrin 3, Valese 4, Baccin 7, Nicolao 11, Dal Maso 12, Della Toffola 29 (14 rebs, 7 fd), Ndompetelo 16 (16 rebs, 7 stl), Lomele ne. All. Fantin, Ass. Brusadin

Arbitri: Di Lenardo e Cotugno

Andrea Brusadin