Prima in casa dai due volti per l’Autoscuola Cordenonese.

Si sapeva che l’esordio casalingo non sarebbe stato una passeggiata, ed effettivamente, i bianco-rossi di Nocera sono una delle corazzate del campionato dimostrandolo dopo appena qualche minuto di gioco, incrinando l’andamento del match già nel primo quarto, chiuso 15-36.

Riccardo De Tina

Quello che non sapremo mai, è cosa sarebbe potuto succedere se il piglio dei ragazzi di casa fosse stato quello giusto sin dalle battute iniziali. Già, perché anche sul terrificante 45-17 del 14’, i muli non hanno mai mollato di un centimetro, ed è un vero peccato che solo sprofondati nel baratro, i bianco-verdi abbiano reagito di fronte alle difficoltà di affrontare una squadra molto aggressiva, intensa e talentuosa.

Dopo essere stati boxati per un quarto e mezzo, De Tina e soci si sono rimboccati le maniche (33-53 in spogliatoio), arginando le folate avversarie, e trovando più fiducia nel proprio gioco d’attacco.

La pazienza nel cercare soluzioni più equilibrate, ha permesso di alzare le percentuali, rallentando il gioco ospite, riducendo il divario sino al -18 a 13 minuti dalla fine.

Qui due minuti di sciagurata follia (3 perse consecutive), hanno avuto l’effetto di un calcio al secchio dopo aver munto la vacca (47-75 alla terza sirena).

Con la strada dell’imbarcata dietro l’angolo, i ragazzi hanno avuto il merito di lottare per ridurre il gap sul tabellone, strappando l’ultimo quarto ai triestini, mostrando segnali positivi in vista delle prossime due gare casalinghe contro Tolmezzo e APU.

Parola d’ordine CONTINUITA’.

Autoscuola Cordenonese vs Pall. Trieste (15-36; 18-17; 14-22; 15-11) 62-86

De Ros 5, Moretti 4, Basso 3, Dal Maso, De Tina 3, Portaro, Ndompetelo 7, Marcon 13, Mazzariol 8, Lucchetta 8, Lomele 11.

All.re: Celotto

Ass. All.re: Pupulin

Arbitri: Sellan e Bon

Pronto riscatto per il gruppo Under 16, che dopo l’esordio di San Daniele, ha saputo imporsi a Udine per 93-69 nella tana dell’UBC.

L’avvio del match è stato un’autentico botta e risposta, con il punteggio aggiornato quasi ad ogni attacco ospite e locale (11-11 al 4’).

Alex Mazzariol

L’equilibrio viene rotto grazie ad un miglior approccio difensivo bianco-verde, con Moretti e compagni bravi a concretizzare le numerose palle recuperate dagli sforzi difensivi a tutto campo (30-19 alla prima sirena).

Attenzione e abnegazione di squadra che crescono nel secondo parziale, anche grazie al supporto della percentuale dall’arco, a premiare le fatiche della metà campo difensiva. E quando queste si abbassano, ecco che la solidità a rimbalzo d’attacco di Della Toffola (11 Rimbalzi, di cui 5 in attacco), regala nuovi possessi alla ciurma bianco-verde.

Come spesso accade, l’intervallo (58-35 alla pausa lunga) toglie ritmo ai ragazzi, che hanno bisogno di 4 minuti per rompere il ghiaccio, e ritrovare feeling difensivo e offensivo, con il trio Mazzariol, Ndompetelo, Marcon a capitalizzare possessi importanti per il break decisivo del match (46-79).

L’ultimo quarto resta la nota negativa più eloquente, di cui speriamo i ragazzi facciano tesoro, con un calo della tensione e dell’intensità eccessivo, un vero peccato dopo trenta minuti giocati su buoni livelli.

Non c’è tempo per gongolare, l’asticella torna ad alzarsi vertiginosamente. All’orizzonte ci sono Pall. Trieste e Pallacanestro Tolmezzo.

UBC Udine vs Autoscuola Cordenonese (19-30; 16-28; 11-21; 23-14) 69-93

Autoscuola Cordenonese

Marcon 15, Lomele 12, Ndompetelo 9, Moretti 6, Mazzariol 15, Lucchetta, Della Toffola 15, Valese 3, De Tina 6, Dalmaso 8.

All.re: Celotto

Ass. All.re: Pupulin

Arbitri: Caroli e Fornaro

Semaforo rosso nel primo match stagionale per l’Under 16, nuovamente marchiata Autoscuola Cordenonese, con i ragazzi 2003 impegnati ancora in un percorso di Eccellenza.

L’esordio collinare, nella tana dei Bull Dogs San Daniele, ha rappresentato, in questo momento, uno scoglio troppo arduo da superare per i giovani bianco-verdi. 

Nonostante l’approccio gagliardo dei primi 10’ di gioco (20-14), il divario tecnico, ma soprattutto fisico, è u

scito alla distanza (43-27 all’intervallo lungo). La supremazia in termini di tonnellaggio dei ragazzi di Sgoifo impatta sulla partita nei due quarti centrali, con il trio Fornasiero, Romanin, Londero, a pasteggiare nel pitturato, consentendo ai collinari di allungare sino al 61-38 del trentesimo.

Il saldo negativo palle perse (31), palle recuperate (6), riassume facilmente le difficoltà incontrate da Marcon e soci in questo primo match stagionale. Fortunatamente, il calendario ci riserva 3 partite nell’arco di 7 giorni, per affrontare nuove sfide e competizioni. 

ACLI San Daniele del Friuli – ASD 3S Basket Cordenons (20-14; 23-13; 18-11; 16-17) 77-55

Autoscuola Cordenonese

De Ros 5, Moretti 2, Basso 4, Dalmaso 1, De Tina 5, Portaro 5, Ndompetelo 6, Marcon 8, Mazzariol 7, Lucchetta, Lomele 12.

Arbitri: Caroli e Cornacchini

Mandiamo in archivio una stagione lunga e impegnativa, con risultati inattesi sia di squadra che individuali. Dalla C Silver sino agli Esordienti, passando per tutte le compagini del settore giovanile, siamo felici e sorpresi dei progressi e della passione, a tratti contagiosa, con cui i ragazzi hanno affrontato l’annata.

Calato il sipario 2017/18, siamo agli albori di una nuova avventura, targata 2018/19, che ci vedrà affrontare tutti i campionati giovanili e due senior, e andando nel dettaglio, la programmazione delle squadre sarà cosi composta.

Annata 2007 – ESORDIENTI – Coach Marco Rinieri e Matteo Basaldella.

Annata 2006 – UNDER 13 Elite – Coach Luca Pupulin

Annata 2005 – UUNDER 14 – Coach Domenico Fantin

Annata 2004 – UNDER 15 Eccellenza – Coach Roberto Palermo

Annata 2003 – UNDER 16 Eccellenza – Coach Matteo Celotto e Luca Pupulin

Anndata 2002/2001 – UNDER 18 – Coach Matteo Celotto e Paolo Pontani

Annate 2000/1999 – UNDER 20 – Coach Andrea Beretta

Promozione – Coach Paolo Pontani

C Silver – Coach Andrea Beretta e Andrea Santarossa

Per quanto riguarda gli aspetti organizzativi, Fabio Boccalon proseguirà nel ruolo di Dirigente Responsabile, e Matteo Celotto in quello tecnico del Settore Giovanile. Il Prof. Andrea Santarossa, come nella passata stagione, sarà il responsabile della preparazione fisica per tutti i gruppi giovanili e senior della società.

La società rende noto, che a malincuore, è stata presa la decisione di non partecipare al campionato Under 18 Eccellenza, che da questa stagione torna ad essere a carattere nazionale sin dalla prima fase. Un’attenta e oculata valutazione rispetto ai criteri organizzativi di tale campionato, ha fatto propendere verso la decisione di optare per l’alternativa regionale.

Dirigenti, consiglio direttivo, presidente e staff tecnico, colgono l’occasione per ringraziare i coach Ivan Nonis e Simone Pizzioli, per quanto fatto nel percorso intrapreso insieme, augurando il meglio per le nuove avventure, e consapevoli che questo è solo un arrivederci.

A tutti i nostri atleti, alle loro famiglie e ai nostri allenatori, auguriamo una buona estate, rigenerante, in vista di una nuova e coinvolgente stagione.

Dopo aver superato con diverse difficoltà la fase regionale del 3×3, nei giorni tra il 27 giugnoal 1 luglio abbiamo disputato presso Castellana

Grotte (Bari) la fase nazionale. Partiti il 27 dall’ aeroporto di Treviso e dopo un viaggio durato neanche un’ora siamo arrivati a Bari.

Nemmeno il tempo di disfare le valigie, che il buon Pietro, capitano della squadra, ha ben pensato di ammalarsi, mettendo subito a dura prova le qualità infermieristiche del nostro super-accompagnatore.

Le partite del primo giorno ci hanno visto affrontare Pall. Don Bosco Livorno, A.B.A Legnano, A.S.D Perugia Basket e Piani Basket. Troppo emozionati e non abituati a quel tipo di pallacanestro, che difficilmente troviamo durante l’anno, abbiamo perso le prime due, rispettivamente contro Perugia e Legnano con i punteggi di 10-4 e 11-6.

Dopo ess erci abituati a contatti e consapevoli che avremmo potuto giocare meglio, ci siamo aggiudicati il terzo match contro Piani con il punteggio di 14-8.

L’ultima e decisiva sfida, giocata contro la prima classificata del girone, Livorno, è iniziata in salita, con il punteggio di 8-2 dopo neanche 5’ di gioco. Dopo una serie di triple e penetrazioni siamo riusciti ad arrivare al punteggio di 12-10 sempre per gli avversari sprecando però il pallone di un eventuale pareggio.

Concludemmo così il girone con il tabellino “vittorie-sconfitte” che recitava 1-3, posizionandoci ultimi nel nostro girone, il che voleva dire che avremmo giocato la mattina seguente contro le altre ultime degli altri gironi.

Se per giocare a basket non siamo stati all’altezza delle aspettative, non si può dire lo stesso per quanto riguarda simpatia e intraprendenza nel conoscere persone nuove, infatti nel giro di un giorno abbiamo stretto amicizia con ragazzi e soprattutto ragazze di ogni parte d’Italia: da Roma a Ragusa, passando per il Trentino e Milano, e con qualche sfumatura veneta.

Le partite tra le quinte di ogni girone si disputate la mattina del 29. Abbiamo incrociato le armi, sportivamente parlando, con Airino Termoli, Blue Sea Basket e Pol. Sarre Chesallet basket portando a casa 3 vittorie su altrettante partite.

Il nostro torneo terminò cosi quella mattina, concludendo con un totale di 4 vittorie e 3 sconfitte e  posizionandoci 17esimi su 20  in Italia. I giorni successivi, dato che le cure di Carmine non avevano portato alcun giovamento a Jure, non siamo riusciti ad andare né al mare né ad Alberobello, e quindi costretti a guardare tutte le partite delle squadre rimaste in gioco, aspettando con trepidante attesa la nostra rivincita…

Il momento in cui abbiamo fatto intuire chi comandasse in quel torneo… Non c’è servito ballare al centro della pista per diventare i re della serata, bastava avere i capelli biondi ed avere un accompagnatore di nome Carmine. Questi due innesti hanno fatto si che le ragazze ci venissero dietro per tutta la durata del torneo!!!

Jure, U’recchiò, Brugnera boy e l’Africano ringraziano in primis l’accompagnatore migliore del torneo, Carmine, grazie al quale non avremmo fatto amicizia con diverse squadre.

Grazie di cuore alla 3s, al nostro allenatore per l’opportunità dataci e un grazie anche a Castellana Grotte per l’organizzazione e l’ospitalità.

Si avvisano gli atleti e le famiglie degli stessi, che nelle seguenti giornate, la società illustrerà i programmi tecnici ed organizzativi per la stagione 2018/2019.

Mercoledì 4 luglio – Palazzetto dello Sport, sala riunioni

Ore 20.15 – Annata 2007;

Ore 20.30 – Annata 2006;

Ore 20.45 – Annata 2004;

Giovedì 5 luglio – Palazzetto dello Sport, sala riunioni

Ore 20.15 – Annata 2005

Ore 20.30 – Annata 2003

Ore 20.45 – Annate 2002, 2001, 2000, 1999

Finale di stagione col botto per i colori bianco-verdi, con i ragazzi U18 e U16 che si sono laureati campioni regionali nelle rispettive categorie nella seconda edizione del 3×3 FIBA. Entrambe le squadre si sono imposte alla terza e decisiva gara 3 delle finali giocate contro l’APU Udine sia per i 2002 che per i 2000. I portabandiera più anziani sono stati Camaj, Pivetta e Lo Giudice, che riconfermano il risultato della scorsa stagione per l’annata 2000; mentre il quartetto 2002 era composto da Casara, Corazza, Palena e Bravin. Il sogno continua per tutti e sette, con le finali nazionali a Castellana Grotte (Bari) 22-23-24 giugno per gli Under 18, 28-29-30 giugno per gli Under 16.

Trasferta e gita fuori porta per la compagine Under 16 eccellenza nella giornata di Mercoledì 1 novembre, impegnata al Torneo di Vittorio Veneto, insieme a Torre, Porcia e alla squadra di casa allenata da Zarko Banjac.
Nel primo incontro, giocato in 8 a causa di alcuni infortuni, Casara e compagni hanno sconfitto i cugini del Torre, in tre tempi da 7 minuti ciascuno grazie agli ultimi due quarti in cui una efficace difesa, assente nel primo periodo, ha consentito di avere maggiori possessi finalizzati da alcuni contropiedi. Punteggio 37-15 e finale del pomeriggio ipotecata, contro Vittorio Veneto che ha avuto la meglio sul team purliliese.

Perso Colombo e rimasti in 7, è stata da dimenticare la pessima partenza. Subito sotto 10-2, c’è voluto un energico time out per avere la reazione sul campo da parte di Palena e soci che, appena hanno iniziato a difendere di squadra e ad attaccare in modo ragionato, hanno immediatamente scavato un solco nel punteggio che i padroni di casa non hanno saputo più colmare.
Con una formazione largamente rimaneggiata, è poi subentrata la prevedibile stanchezza ma il break del terzo quarto è stato sufficiente per portare in porto la vittoria.
Un buon allenamento, quindi, in vista della partita di domenica prossima, palla a due alle 11.30, quando in Via Avellaneda arriverà la formazione del Don Bosco Trieste.
3S Basket Cordenons-Torre 37-15 (7-8; 21-10)
3S: Rinieri, Bravin 1, Palena 2, Bot 2, Casara 13, Colombo 8, Corazza 11, Basso. All. Beretta
Vittorio Veneto-3S Basket Cordenons 45-76 (17-13; 25-32; 38-52)
3S: Rinieri 4, Bravin 18, Palena 10, Bot 9, Casara 15, Corazza 16, Basso 4. All. Beretta
Simone Pizzioli