Cuore oltre l’ostacolo, Under 18 più forte degli infortuni

13 gennaio 2018

Partita importantissima in ottica secondo posto per l’Intermek: al palazzetto di via Avellaneda arriva la temuta Corno di Rosazzo di coach D’Amelio.

Dopo aver perso lo scontro dell’andata in malo modo, i ragazzi di coach Celotto si presentano carichissimi e motivati, nonstante le assenze importanti di Silvestrin, De Santi e Pivetta.

Il primo periodo rispetta le aspettative, la partita è equilibratissima e il primo periodo finisce sul 17-18 per Ballandini e co.

I secondi 10’ seguono i primi, le squadre continuano a studiarsi e ricambiare colpo su colpo: 28-29 per gli ospiti all’intervallo.

Al rientro dagli spogliatoi l’atteggiamento dei bianco – verdi cambia, tentano un allungo significativo con le fiammate di Damjanovic e Casara, ma Kos risponde presente e non consente alla squadra casalinga di prendere il largo: 47-47 all’ultima pausa.

Nell’ultimo periodo tutto cambia: la difesa diventa l’arma di Camaj e soci, che non permettono canestri facili agli avversari e soprattutto gli costringono a tanti palloni persi trasformati nell’altra metà campo; Casara protagonista nell’allungo decisivo con 8 punti nell’ultimo quarto e la tripla che chiude i giochi.

Nonostante le pesanti assenze, la squadra di coach Celotto ha saputo dimostrare come la tecnica e il talento non sono tutto: 67-56 per i cordenonesi alla fine dei 40’.

INTERMEK 3S – CORNO DI ROSAZZO 67-56 (17-18, 28-29, 47-47)

INTERMEK: Colombo, Rossit 7, Diana 5, Damjanovic 17 (7 ast, 6 fd), Corazza 2, Curtarelli 3, De Santi ne, Casara 13 (10 rebs), Camaj 14, Metellini 2, Lo Giudice 4 (8 rebs). All. Celotto, Ass. Pupulin e Brusadin

CORNO DI ROSAZZO: Poboni 16 (10 rebs), Basso, Canciani 1, Novello 10, Paravan 2, Kos 9, Ballandini 13 (8 rebs), Dilena ne, Burini ne, Marotta 5. All. D’Amelio, Ass. Ballandini

 

Arbitri: Meneguzzi e Sellan

Related Post