Intermek 3S Basket Cordenons – Bor

27 novembre 2016
INTERMEK 3S BASKET CORDENONS – BOR RADENSKA 62 – 66 DTS (20-13, 12-15, 12-11, 11-16, 7-11)

INTERMEK 3S BASKET CORDENONS: CELOTTO 1, BRUNETTA 7, CIPOLLA 26, DALMAZI 3, CAUZ 9 (+10 R.), MEZZAROBBA, MORO 8, CORAZZA 6, PEZZUTTI, DE NARDO, COSTANZO, PIVETTA 2. ALL. FANTIN.

BOR RADENSKA: CINGERLA 3, BASILE 9, PREGAC, TOMADIN 2, DANEU 5, SCOCCHI 26, MARCHESAN 10, DEVCICH 7, SVAB, ALBANESE 4, DOZ. ALL. MURA

ARBITRI: SIGG.RI ZUCCOLO E ANASTASIA.

Gettiamo alle ortiche due punti fondamentali nella corsa per la salvezza: contro il Bor non bastano l’ennesima prestazione superba di Cipolla (top scorer dell’incontro assieme al play Scocchi con 26 punti realizzati a testa) e di Fabio Cauz, 9 punti, 10 rimbalzi, 4 recuperi, una stoppata ed una quantità industriale di energia in difesa, dove ha marcato chiunque gli capitasse a tiro.

Partiamo con il piglio giusto, gestendo il ritmo della partita e mandando a referto già 6 giocatori nel primo quarto, soprattutto trovando soluzioni e canestri sia con gli esterni che con i lunghi. Il vantaggio di 7 lunghezze, 20-13 del 10’ è la logica conseguenza della nostra – momentanea, purtroppo – supremazia.

Coach Mura scuote i suoi giocatori che rientrano in campo con maggiore determinazione e, grazie ad una difesa particolarmente attenta, ci concedono solo 2 punti (su t.l.) in 5’, mentre in attacco Marchesan e, soprattutto Scocchi, iniziano a prendere le mi15272345_1168025823286265_7297518750179234630_osure del canestro. Pur perdendo nuovamente capitan Celotto per infortunio, iniziamo a scuoterci dal torpore al 16’, quando in un paio di minuti Brunetta, Cipolla e Moro segnano a ripetizione fissando il risultato sul 30-18 del 18’.

De Nardo viene servito alla perfezione sotto canestro da Cipolla, ma sbaglia l’appoggio; il Bor recupera il rimbalzo e parte in contropiede; Pezzutti commette fallo su Basile che segna e converte anche il tiro libero supplementare. L’azione galvanizza gli ospiti che negli ultimi due minuti del periodo confezionano un break di 10-2 chiudendo i primi 20’ sotto di 4 lunghezze (32-28).

Dal 3° quarto inizia praticamente un’altra partita: entrambe le squadre alzano l’intensità difensiva e segnare diventa difficile. Nonostante tutto riusciamo sempre a restare avanti, anche se di una manciata di punti ed al 30’ abbiamo ancora 5 lunghezze di vantaggio, grazie anche all’ingresso di Corazza che in pochi minuti mette a referto 6 punti.

L’ultima frazione è un condensato di emozioni: Scocchi guida l’attacco del Bor con 9 punti realizzati, mentre tra le nostre fila ci mettono una pezza il solito Cipolla e, soprattutto, Cauz con 2 canestri importantissimi. Si arriva all’ultimo giro di lancette in perfetta parità, 55-55: qui abbiamo ben 3 occasioni per portare a casa la partita: prima uno stremato Cauz fa 0/2 ai tiri liberi, Dalmazi riesce a recuperare la palla, Moro tira dalla sua mattonella, ma sbaglia, Cauz ci mette una pezza, l’ennesima della sua super-partita, recuperando la palla vagante quando mancano 20” alla fine, Dalmazi con 16” ancora sul cronometro affretta il tiro da 3 che va sul ferro. Il Bor recupera il rimbalzo, ma il tiro di Tomadin non va a bersaglio. Over-time!

Gli dei del basket puniscono i nostri sprechi: i ragazzi di Coach Mura ne hanno semplicemente di più: rispondono alla realizzazione di Cipolla (che segnerà tutti e 7 i nostri punti del supplementare) con due bombe (una di Daneu – che  nell’azione d’attacco successiva si procurerà un infortunio al ginocchio – ed una di Scocchi) ed un tiro libero di Marchesan scavando un mini-parziale di 7-2 che noi, oramai a corto di energie, non riusciremo più a recuperare.

Related Post