L’Intermek vince in casa del Bor e ribalta la differenza canestri.

12 marzo 2017

BOR TRIESTE – INTERMEK 3S BASKET CORDENONS 58 – 68 (10-19, 32-34, 48-54, 58-68)

BOR TRIESTE: CINGERLA N.E., BASILE 19, PREGARC, TOMADIN 2, DANEU, SCOCCHI 17, MARCHESAN 11, DEVCICH 2, NEGOVETTI, SVAB, DOZ 7, ALBANESE. ALL. MURA.

INTERMEK 3S BASKET CORDENONS: RIZZO N.E., BRUNETTA 3, CIPOLLA 18, DALMAZI 5, MEZZAROBBA 3, MARELLA, MORO 8, CORAZZA 20, PEZZUTTI 2, DE NARDO 6, COSTANZO 3. ALL. FANTIN.

ARBITRI: SIGG.RI INNOCENTE E CHESINI

Otteniamo un’importante vittoria contro il Bor, nostra diretta concorrente nella lotta per non retrocedere, ribaltando anche la differenza canestri: avevamo infatti perso di 4 punti il match di andata.

Al 2-0 Bor troviamo le immediate contromisure ed al 6’ ci portiamo sul 12-2 grazie soprattutto alle incursioni di Cipolla che mette a referto 8 punti. Coach Mura chiama time-out, tuttavia la sospensione non sortisce effetti in quanto continuiamo a comandare, mentre i padroni di casa riescono a segnare solo dalla lunetta. Dopo il 19-10 di fine primo quarto commettiamo però l’errore di calare l’intensità consentendo così a Basile e Scocchi di confezionare un break di 7-0 con cui riducono il divario a sole 2 lunghezze, costringendo Coach Fantin al time-out. Al rientro in campo riprendiamo le redini del match e ci riportiamo sul +7 (29-22) al 16’ sull’asse Moro-Corazza; tuttavia questo quarto funzioniamo come le luci di Natale, ad intermittenza, e di colpo allentiamo le maglie della difesa permettendo a Marchesan e soci di segnare 10 punti in 4’ e di andare a riposo sul -2 grazie proprio ad un canestro sulla sirena della guardia di Coach Mura.

Al rientro dalla pausa lunga regna un equilibrio perfetto fino al 23’ (39-39), quando ancora Marchesan risponde al canestro di Corazza. Da questo momento in poi riprendiamo a difendere con maggiore intensità e, seppur con qualche errore di troppo da sotto misura in attacco, prendiamo un margine di vantaggio che oscilla tra i 5 ed i 7 punti, sospinti soprattutto dalle iniziative del nostro play Corazza, alla migliore prestazione stagionale, che nella seconda parte della frazione mette a referto 7 punti guidando il nostro attacco al +6 (54-48) del 30’.

Rientriamo in campo con la stessa concentrazione e determinazione con cui abbiamo chiuso il terzo periodo e in 2’ mettiamo a segno un ulteriore mini-break di 5-0 che ci spinge sul +11 (59-48). L’allungo si rivela decisivo, anche perché la nostra difesa chiude bene i varchi concedendo a Scocchi e compagni di mettere a referto solo 10 punti (di cui 6 su tiro libero) negli ultimi 10 minuti. Corazza è freddo dalla lunetta (4/4) nel minuto finale e vanifica il fallo sistematico dei padroni di casa mantenendo il nostro vantaggio finale in doppia cifra.

Se la prestazione di Cipolla rappresenta una piacevole costante, sicuramente merita di essere menzionata la performance del play Corazza, autore di una doppia-doppia da 20 punti (frutto di un ¾ da 2 punti, ½ da 3 e di 11/12 ai tiri liberi) e 10 rimbalzi (di cui 4 in attacco) cui ha aggiunto 2 palle recuperate, 2 assist e ben 9 falli subiti.

Così Coach Fantin a fine partita: “La partita era estremamente importante per entrambe le formazioni. Faccio i complimenti ai miei giocatori, l’hanno interpretata con il giusto approccio ribaltando anche la differenza canestri. A parte alcuni minuti di black-out che vanno eliminati, hanno sempre tenuto le mani sul match”.

Related Post