Riscatto Intermek: dopo il derby vittoria a Spilimbergo

31 Ottobre 2017

Dopo il derby, la 3S targata Intermek è impegnata nella trasferta a Spilimbergo.

Formazione sempre diversa quella di coach Celotto, che sperimenta molto in questo campionato.

I primi 4’ si gioca a reti inviolate, con nessuna formazione che trova la via del canestro. Dopo i primi 10’ minuti il tabellone recita: 7 Vis, 13 Intermek.

Nel secondo periodo il ritmo dei padroni di casa si alza, difendendo e correndo; Cordenons sembra non capirci nulla, e si affida a Damjanovic che porta gli ospiti in vantaggio di 4 lunghezze all’intervallo (21-25) nonostante un incredibile 7/18 in lunetta di squadra.

Nel terzo quarto la musica non cambia, Cordenons continua a restare davanti ma mai a scappare definitivamente: scelte offensive rivedibili, difesa rivedibilissima e la Vis che a voglia non è seconda ai ragazzi di Cordenons non mollando un centimetro.

Alla fine dei primi 30’ Cappellaro & co conducono per 48-42.

Nonostante le continue scorribande di un ispirato Damjanovic, gli ospiti continuano a non riuscire a chiudere definitivamente il match a causa di una difesa disastrosa; nonostante il +12 a 3 minuti dalla fine, i mosaicisti non mollano fino a tornare sul -6 (52-58).

È Cozzarin a chiudere i giochi con una tripla del +9 a poco meno di un minuto da giocare.

Finisce 63-55 per la 3S targata Intermek.

Prossimo appuntamento per i nostri ragazzi fissato a lunedi 6 novembre alle 21 al palazzetto di San Quirino contro Balonsesto.

VIS SPILIMBERGO – INTERMEK 3S 55-63 (7-13, 21-25, 42-48)

SPILIMBERGO: Martinuzzi ne, Gaino 5, Lob S. 1, Beltrame 7, Favaretto 7, Lob M. 14, Morimu 3, Gerometta 2, Donati 6, De Monte 2, Del Col 2, Fabbro 6. All. Patisso

INTERMEK: Rossit 1 (8 rebs), Damjanovic 20 (7 ast, 7 rebs, 6 stl, 7 fd), Curtarelli 7, Bissi 9 (11 rebs), Cappellaro 3 (4 ast), Metellini 5, Camaj 6, Cozzarin 3, Lo Giudice 9 (8 rebs). All. Celotto, Ass. Brusadin

Related Post
Cala il sipario su una stagione da copertina
9° Memorial “Luca Tosoni”
Allenatore, genitori, giocatori e arbitri. I 4 ruoli dello sport giovanile
Finali Nazionali 3X3 U18. Il racconto dei protagonisti