Dopo il compitino svolto contro Gonars, è la volta della Falconstar Monfalcone di coach Franco.

De Santi e Pivetta fanno il loro ritorno in campo, e per la prima volta dopo tanto tempo Cordenons si presenta in 12 tesserati abili a giocare.

Pronti, via e Monfalcone non sbaglia nulla e comanda sull’11-4. Piano piano la 3S entra in partita e con due bombe di Damjanovic finisce il primo quarto sul 21-19 per i bianco – verdi.

Ad inizio secondo periodo Cossaro e soci rinnovano i loro canestri in 1 contro 0, e sui tanti rimbalzi offensivi concessi dagli ospiti: all’intervallo Falconstar guida sul 40-36.

Al rientro dagli spogliatoi i padroni di casa sembrano più vogliosi di vincere, mettendo in campo un’aggressività imparagonabile rispetto a quella dell’Intermek volando anche sul +12. 54-46 dopo i primi 30’.

Nell’ultimo periodo Cordenons tenta il tutto per tutto, cercando di recuperare il divario accumulato. A 1’ dalla fine il tabellone dice che Cordenons è sotto di 8 lunghezze; sono una bomba di De Santi e 3 tiri liberi di Damjaovic a riaprire la partita. A 30’’ dalla fine il punteggio è di 73-71. 2/2 dalla lunetta di Cossaro fissano il 75-71. Bomba di Damjanovic e altro 2/2 di Cossaro con 10’’ da giocare. Time out di coach Celotto che disegna un gioco per un tiro da tre punti: la rimessa è perfetta, ma Damjanovic sbaglia. 78-72 Monfalcone.

Il prossimo appuntamento (penultima partita della prima fase) dell’Intermek è fissato per martedí 6 febbraio alle 21 contro Dgm.

FALCONSTAR MONFALCONE – INTERMEK 3S 78-74 (19-21, 40-36, 54-46)

FALCONSTAR: Fumis, Zuccolotto 16 (8 rebs), Soncin 8, Cossaro 22, Corà, Altran ne, Konate 2, Crocamo 2, Cestaro 13 (9 rebs), Bini 3, Regolin 12 (9 rebs). All. Franco, Ass. Tomasi

INTERMEK: De Santi 18, Pivetta 9 (11 rebs), Colombo, Da Pieve, Camaj 6, Lo Giudice 5 (7 rebs), Rossit, Casara, Corazza, Diana 6, Damjanovic 28, Curtarelli 2. All. Celotto, Ass. Pupulin e Brusadin

Arbitri: Sissot e Lupieri

Andrea Brusadin

In emergenza totale, al palazzetto di via Avellaneda arriva una squadra timorosa: Gonars di coach Stroppolo.

Assenza in panchina di coach Celotto, sostituito dagli assistenti Pupulin e Brusadin supportati da Roberto Palermo.

Oltre a Pivetta e De Santi, ormai prossimi al rientro, si ferma anche Silvestrin; negli ospiti, invece, manca Spangaro.

L’inizio partita per Cordenons si conferma un punto debole: gli udinesi partono più forte guidando sul 8-2 dopo pochi minuti.

La reazione dei locali arriva immediatamente, cercando insistentemente i lunghi sotto canestro per sfruttare il dominio fisico; il primo periodo finisce 19-16 per i bianco – verdi.

Il secondo quarto è diverso dal primo: l’Intermek detta il ritmo su tutto il campo e, con Damjanovic che ispira i compagni, vola sul +11 dopo i primi 20′.

Al rientro dagli spogliatoi i ragazzi di coach Pupulin iniziano col piede giusto aumentando il divario tra le squadre fino al +16; alla fine del terzo periodo il coach ospite si fa espellere per proteste e i ragazzi rimangono senza direzione tecnica. Il terzo quarto finisce sul 52-40.

L’ultimo periodo è una lotta contro il tempo: Gonars usa tutte le armi che ha a disposizione e lo fa nel modo giusto, mostrando un atteggiamento tutt’altro che negativo; però non hanno fatto i conti con il paymaker bianco – verde Damjanovic, che nel momento del bisogno si carica la squadra sulle spalle con 10 punti sui 18 della sua squadra negli ultimi 10′. La partita finisce sul 70-62 per l’Intermek.

Il prossimo appuntamento per i ragazzi di coach Celotto è fissato per giovedì 1 febbraio e faranno visita alla Falconstar Monfalcone di coach Franco.

 

INTERMEK 3S – GONARS 70-62 (19-16, 38-27, 52-40)

INTERMEK: Colombo 2, Da Pieve 2, Rossit 2, Pivetta ne, Diana 8, Damjanovic 16 (5 ast), Corazza 9, Curtarelli, De Santi ne, Casara 9 (6 rebs), Camaj 9 (5 rebs), Lo Giudice 13 (6 rebs). All. Pupulin, Ass. Brusadin e Palermo

GONARS: Marcato, Di Leo, Malisan 20 (5 rebs, 8 fd), Ferro 2, Cecchin 7, Sigon 2 (7 rebs), Tondon 4, Vermi 19, Strizzolo 2, Fontanot 6 (7 rebs). All. Stroppolo

Arbitri: Meneguzzi e Angeli

 

Andrea Brusadin

Dopo la prima partita della seconda fase vinta contro Porcia, i ragazzi di coach Celotto sono attesi dalla Vis Spilimbergo.

Come di consueto, i bianco – verdi si presentano con molti ragazzi infortunati, con De Santi e Pivetta in panchina solo per onor di firma ma in recupero.

Il primo periodo coglie impreparati gli ospiti che subiscono un parziale di 10-2 in favore di Gaino e compagni; come una macchina diesel, Cordenons recupera e alla fine dei 10′ il risultato è di 15-15.

All’inizio del secondo quarto, Silvestrin e compagni mettono il turbo alzando l’intensità difensiva e correndo in contropiede; alla pausa lunga il tabellone recita 31-23 per gli ospiti.

Al rientro dagli spogliatoi è identico all’inizio della partita, Cordenons subisce l’atteggiamento positivo dei locali che in pochi minuti tornano in parità; Silvestrin si mette in proprio e decide di caricarsi la squadra sulle spalle e da solo porta l’Intermek sul +7 alla fine dei primi 30′ (43-36).

L’ultimo periodo è un continuo provarci per Spilimbergo, ma delle giocate individuali dei bianco – verdi rimandano al mittente tutti i tentativi di rimonta: con la carambola dei tiri liberi il match finisce sul 62-54 per i nostri ragazzi.

Il loro prossimo appuntamento nel campionato u20 è fissato per lunedì 5 febbraio a San Quirino alle 20.45 contro Fiume Veneto.

 

 

VIS SPILIMBERGO – INTERMEK 3S 54-62 (15-15, 23-31, 36-43)

SPILIMBERGO: Tob S., De Monte 5, Favaretto 4, Tob M. 18, Del Col 5, Martinuzzi, Beltrame 2, Donati 4, Moritto, Gaino 14, Fabbro ne. All. Patisso

INTERMEK: Rossit 5 (6 rebs), Pivetta ne, Busiello (7 rebs), Diana 10, De Santi ne, Silvestrin 23 (7 stl), Cappellaro 4, Camaj 10 (12 rebs), Lo Giudice 10 (11 rebs). All. Celotto, Ass. Brusadin

Arbitri: Allegretto

 

Andrea Brusadin

Martedì sera al palazzetto di via Avellaneda va in scena il recupero della prima giornata dei nostri u18 targati Intermek contro l‘imbattuta Basket Trieste.

Esordio per Silvestrin nelle fila cordenonesi, mentre assenze pesanti come Schina e Milic in quelle triestine.

Pronti via e 5-0 per Cordenons che esegue quanto chiesto da coach Celotto, ovvero difesa e correre in contropiede; a questo break risponde Deangeli che con 8 punti filati porta la sua Trieste sul 17-11 alla fine del primo parziale.

Il secondo quarto è in equilibrio, fino a che Babic ne infila 7 e gli ospiti toccano il massimo vantaggio sul +12 (36-24); Casara regala il -9 ai suoi alla pausa lunga (36-37).

Al rientro dagli spogliatoi Cordenons entra con il coltello tra i denti, mentre Trieste sembra essere in bambola: parziale di 13-2 e secondo vantaggio nel match (40-38) in favore dei padroni di casa con un Pivetta scatenato ed una bomba di Diana.

Rabusin da qui a fine gara si carica la squadra sulle spalle ed, insieme al solito Deangeli, contribuisce a finire il terzo periodo sul 50-45 per i triestini.

Gli ultimi 10’ sono costantemente in equilibrio, fino a quando i giuliani allungano sul 68-60.

A 35 secondi dalla fine, sul punteggio di 64-68, la tripla di De Santi si spegne sul ferro, mentre dall’altra parte Deangeli risulta decisivo e mette i titoli di coda al match con l’ennesimo rimbalzo offensivo tramutato in canestro.

Punteggio finale 70-65 per i ragazzi di coach Nocera.

Il prossimo impegno per l’Intermek è fissato per domani (giovedì 16 novembre) in casa contro Falconstar alle 20.30.

INTERMEK 3S – BASKETRIESTE 65-70 (11-17, 27-36, 45-50)

INTERMEK: Rossit, Pivetta 24 (9 rebs, 5 fd), Diana 5, Damjanovic 12 (7 fd), Corazza, Curtarelli, De Santi 12, Casara 6, Silvestrin, Camaj 6, Lo Giudice. All. Celotto, Ass. Pupulin e Brusadin

BASKETRIESTE: Balbi, Deangeli 24 (17 rebs, 8 fd), Poboni 4, Leonardi, Babich 8, Rabusin 15 (8 rebs), Comelli ne, Pitacco ne, Serra ne, Vuksanovic 8, Giustolisi 4, Antonio 4. All. Nocera, Ass. Mravic

 

Arbitri: Sellan e Anastasia

Andrea Brusadin

Arriva un altro successo per gli under 18 di eccellenza, questa volta ai danni dello Jadran di coach Mura.

Dopo la trasferta perdente di Corno di Rosazzo, i nostri ragazzi hanno fatto un esame di coscienza e hanno cambiato l’atteggiamento contro la squadra triestina.

Fin dalle prime battute si capisce che è una squadra diversa, più unita, che gioca una bella pallacanestro passandosi spesso la palla; il primo periodo sfiora la perfezione, 33 punti segnati con 6 triple per i bianco – verdi. Al suono della prima sirena il punteggio è 33-16 per i locali.

Nel secondo periodo il carro armato Cordenons continua a sparare con ottime percentuali dal campo, con coach Celotto che si prende il lusso di fare ampie rotazioni; nelle file triestine l’entusiasmo scende ulteriormente quando, durante la seconda frazione, Patrik Zettin lascia il campo per un problema muscolare.

All’intervallo l’Intermek comanda l’incontro per 61-31.

Al rientro dagli spogliatoi la musica non cambia, Cordenons entra aggressiva lasciando a bocca asciutta gli avversari. Jadran, dal canto suo, non è in giornata tirando male dal campo e concedendo molto in difesa; il terzo quarto finisce sul 82-42.

Negli ultimi 10’ di gioco entrambi gli allenatori continuano le rotazioni per far giocare tutti, e le percentuali si abbassano da ambo le parti: 9-10 il parziale, e 91-52 il finale.

Prossimo impegno per i nostri ragazzi è fissato per mercoledi 8 novembre alle 19 a Gonars.

INTERMEK 3S – JADRAN 91-52 (33-16, 61-31, 82-42)

INTERMEK: Rossit 6, Pivetta 19 (13 rebs), Diana ne, Damjanovic 13, Corazza 3, Curtarelli 14, De Santi 13, Casara 7 (6 rebs, 5 ast), Camaj 6 (8 rebs), Lo Giudice 10. All. Celotto, Ass. Pupulin e Brusadin

JADRAN: Sedmak 2, Rovis 4, Zgur 11, Emili 7, Zettin P. 9, Zettin D. 15, Percic 4, Jazbec, Zidaric, Cingerla. All. Mura

Arbitri: Meneguzzi e Gava

Andrea Brusadin

Dopo il derby, la 3S targata Intermek è impegnata nella trasferta a Spilimbergo.

Formazione sempre diversa quella di coach Celotto, che sperimenta molto in questo campionato.

I primi 4’ si gioca a reti inviolate, con nessuna formazione che trova la via del canestro. Dopo i primi 10’ minuti il tabellone recita: 7 Vis, 13 Intermek.

Nel secondo periodo il ritmo dei padroni di casa si alza, difendendo e correndo; Cordenons sembra non capirci nulla, e si affida a Damjanovic che porta gli ospiti in vantaggio di 4 lunghezze all’intervallo (21-25) nonostante un incredibile 7/18 in lunetta di squadra.

Nel terzo quarto la musica non cambia, Cordenons continua a restare davanti ma mai a scappare definitivamente: scelte offensive rivedibili, difesa rivedibilissima e la Vis che a voglia non è seconda ai ragazzi di Cordenons non mollando un centimetro.

Alla fine dei primi 30’ Cappellaro & co conducono per 48-42.

Nonostante le continue scorribande di un ispirato Damjanovic, gli ospiti continuano a non riuscire a chiudere definitivamente il match a causa di una difesa disastrosa; nonostante il +12 a 3 minuti dalla fine, i mosaicisti non mollano fino a tornare sul -6 (52-58).

È Cozzarin a chiudere i giochi con una tripla del +9 a poco meno di un minuto da giocare.

Finisce 63-55 per la 3S targata Intermek.

Prossimo appuntamento per i nostri ragazzi fissato a lunedi 6 novembre alle 21 al palazzetto di San Quirino contro Balonsesto.

VIS SPILIMBERGO – INTERMEK 3S 55-63 (7-13, 21-25, 42-48)

SPILIMBERGO: Martinuzzi ne, Gaino 5, Lob S. 1, Beltrame 7, Favaretto 7, Lob M. 14, Morimu 3, Gerometta 2, Donati 6, De Monte 2, Del Col 2, Fabbro 6. All. Patisso

INTERMEK: Rossit 1 (8 rebs), Damjanovic 20 (7 ast, 7 rebs, 6 stl, 7 fd), Curtarelli 7, Bissi 9 (11 rebs), Cappellaro 3 (4 ast), Metellini 5, Camaj 6, Cozzarin 3, Lo Giudice 9 (8 rebs). All. Celotto, Ass. Brusadin

 

Corno di Rosazzo riporta con i piedi per terra i nostri ragazzi, che dopo due vittorie si fermano di fronte al team di coach D’Amelio.

Pronti via ed è subito Cordenons a dettare i ritmi, con i locali che non riescono a colpire dalla lunga distanza e si affidano solo all’uno contro uno di Kos e Ballandini; gli ospiti, invece, approcciano bene la partita nella metà campo difensiva e giocando di squadra in attacco concludono il primo periodo sul 21-20.

Il secondo quarto sembra ricalcare il primo, con grinta in difesa e pazienza in attacco da parte dei bianco-verdi che toccano anche il +11 (38-27); ma negli ultimi 5’ Corno approfitta del caos offensivo Intermek per rifarsi sotto con un 8-0 (nonostante lo 0/10 da tre punti nei primi 20’) andando negli spogliatoi sul 38-35 per gli ospiti.

Il rientro dagli spogliatoi è un disastro, con Camaj e soci che subiscono un’imbarcata nei terzi 10’, non difendendo e attaccando singolarmente senza costrutto; i padroni di casa, al contrario dei primi due quarti, sono micidiali dall’arco specialmente con Kos (6 bombe di squadra nel quarto) e trovano linfa difensiva tanto da giocare quasi solamente in contropiede. Alla fine del terzo quarto il tabellone recita 67-59 Corno di Rosazzo.

Nell’ultimo quarto i bianco – verdi ci provano anche con la zona, rientrando sino al meno 6 (67-73) ma il trio Kos-Ballandini e Poboni non ci sta, e chiudono il match sul 85-74.

Il prossimo appuntamento dell’Intermek è per giovedì 2 novembre che ospita Jadran alle 20.30 al palazzetto di Cordenons.

CENTRO SEDIA BASKET: Poboni 19 (7 rebs), Basso 12, Canciani, Rodaro, Novello 4, Paravn 5, Kos 28 (7 rebs, 8 fd), Peressini ne, Ballandini 15 (10 rebs, 4 ast), Dilena, Burini ne, Marotta. All. D’Amelio

INTERMEK 3S: Rossit, Pivetta 20 (6 rebs, 4 ast, 10 fd), Diana ne, Corazza 6, Bravin, Curtarelli 3, De Santi 33, Casara 4, Camaj 6, Cozzarin 2, Lo Giudice. All. Celotto, Ass. Pupulin e Brusadin

Andrea Brusadin

 

Comincia con il derby cordenonese il campionato regionale U20; da una parte la compagine di coach Pontani con i ragazzi più “anziani”, dall’altra l’under 18 di coach Celotto con alcuni innesti.

I primi minuti sembrano una partita calcistica, percentuali bassissime per entrambi le formazioni e con qualche guizzo offensivo in più la 3S targata Intermek chiude in vantaggio la prima frazione sul 17-13.

Primo e ultimo vantaggio per Cappellaro e soci, che nel secondo periodo si dimenticano difesa e aggressività; aspetti che consentono invece a Mezzaroba & co di scavare un super break a suon di triple (5 nei secondi 10’) allungando alla pausa lunga di 16 lunghezze (47-31).

Al rientro dagli spogliatoi l’Intermek tenta di rientrare in partita, ma ancora una volta le scelte offensive rivedibili e la scarsa dedizione difensiva non sono di aiuto mentre le triple di Corazza tengono a distanza di sicurezza i “piccoli”: 59-46 fine terzo quarto.

Ultimo quarto di puro garbage time, con la squadra di coach Pontani che arriva addirittura sul +21 che conclude il match (79-58).

MVP: Davide Corazza 25 pts (5/10 2pts, 4/7 3pts, 3/5 ft), 4 ast, 14 reb.

INTERMEK 3S – ZANARDO RAPPRESENTANZE 79-58 (17-13, 31-47, 46-59)

INTERMEK 3S: Rossit, Pivetta 6 (10 reb, 5 ast), Diana ne, Curtarelli, De Santi 9, Bissi 6, Cappellaro 7, Metellini 11, Camaj 11, Muzzin, Lo Giudice 8. All. Celotto, Ass. Brusadin

ZANARDO RAPP.: Bagatella 8, Rizzo 2, Pezzutti ne, Boccalon 7, Corazza 25, Mezzaroba 12, Zanusso 3, De Nardo 11, Rado 7, Rinieri 4. All. Pontani, Ass. Rinieri

Comincia con un’uscita vittoriosa la stagione della nostra Under 18 di eccellenza, impegnati nel torneo “Spaghetteria La Loggia” di Vittorio Veneto con i padroni di casa di coach Lanza, Leoncino Mestre e De Longhi Treviso.
La prima avversaria sulla strada bianco-verde è stata il Leoncino Mestre, che dopo un primo parziale concluso sul 12-12, grazie al predominio veneto a rimbalzo offensivo, ha dovuto cedere il passo a Damjanovic e soci, bravi nel secondo quarto ad alzare l’intensità in difesa. Le soluzioni offensive di Pivetta e De Santi, ben imbeccati dai compagni, hanno permesso di prendere il controllo sul match portando Cordenons sul +13; vantaggio ben gestito sino alla sirena conclusiva della gara (37-25).

Da segnalare che nella seconda semifinale della gara del tiro da tre punti, i nostri portabandiera De Santi e Pivetta, sono entrambi passati in finale rispettivamente con 6/10 e 5/10.

Nella finale contro Treviso; molte le analogie con la prima prima gara disputata, visto l’inizio match senza energia e intensità. I nostri avversari, correndo di più in contropiede, finiscono sul +5 il primo periodo (16-11), ma come nella gara con Mestre, i ragazzi trovano una reazione nel secondo quarto, alzando i ritmi in attacco e in difesa, portandosi così all’intervallo lungo sul +8 (34-26).
L’equilibrio si protrae anche nel terzo periodo, con la De Longhi che continua a colpire in contropiede e trova buone soluzioni da secondi tiri (fine terzo quarto 49-40 3S), ma dopo 4 minuti dell’ultimo quarto, il match si chiude definitivamente, con Diana e compagni che toccano il massimo vantaggio sul 68-50 finale.

Doppia vittoria per noi, considerato il successo di Simone Pivetta nella finale del tiro da 3 punti, che ha sopperito nel migliore dei modi al forfait di De Santi, dopo la botta patita nella gara mattutina.

Un modo piacevole di iniziare la stagione, aspettando l’esordio ufficiale in casa contro BaskeTrieste il 5 ottobre.

3S Basket Cordenons – Leoncino Mestre 37-25 (12-12, 27-14)
Cordenons: Rossit 2, Damjanovic 7, Diana, Casara, Curtarelli, Corazza, De Santi 11, Camaj 5, Pivetta 11, Lo Giudice 2 (7 reb).

3S Basket Cordenons – De Longhi Treviso 68-50 (11-16, 34-26, 49-40)
Cordenons: Rossit 10, Damjanovic 12 (9 reb, 4 ast), Diana 9, Casara 3, Curtarelli, Corazza 6, De Santi ne, Camaj 7 (9 reb), Pivetta 19 (8 reb), Lo Giudice 2.

Andrea Brusadin