ZANARDO RAPPRESENTANZE, DOPPIA BEFFA

19 febbraio 2017

PALLACANESTRO PORTOGRUARO – ZANARDO RAPPRESENTANZE 3S BASKET CORDENONS 51-49 (12-14, 33-29, 45-43, 51-49)

PALLACANESTRO PORTOGRUARO: FAORLIN 4, DEFENDI 10, BRAGATO 4, PASQUON (K) 4, FURLANIS 9, FILONZI 6, GOBBO 2, MASSARUTTO 5, SANSONELLO, FOLLIN, ZANDONA’ 7, CORBETTA. ALL. OSTAN

ZANARDO RAPPRESENTANZE 3S BASKET CORDENONS: IUDICA, BONATO 4, CORAZZA 5, RIZZO 5, PEZZUTTI 11, CASTELLARIN 7, CURTARELLI, FRANCO 6, MEZZAROBBA 7, LO GIUDICE 4. ALL. FANTIN

ARBITRO: SIG. ZANELLI

La trasferta a Caorle contro la Pallacanestro Portogruaro si rivela doppiamente amara: incassiamo la prima sconfitta stagionale e, soprattutto, si infortuna seriamente alla spalla destra Frank, rientrato a gennaio  dall’operazione alla spalla sinistra.

La partita è molto equilibrata, arrivare al ferro è difficile per entrambe le squadre: il 12-14 di fine primo quarto è la fotografia esatta dell’andamento del match. Nel secondo quarto i padroni di casa serrano le maglie della difesa e riescono a scavare un mini-break grazie soprattutto a due bombe di Furlanis. L’inizio di terza frazione è per noi un incubo: in 2’40” Portogruaro scappa sul +11 (43-32) e sembra involata verso una facile vittoria. Abbiamo il merito di riprenderci e, grazie ad una difesa al limite della perfezione, concediamo solo 2 punti nei restanti 7’20” del periodo, mentre in attacco  muoviamo la palla con più pazienza e ordine trovando punti da Pezzutti, Mezzarobba, Lo Giudice e Franco. A 2′ dalla fine del quarto “Frank” vola a strappare un rimbalzo d’attacco. Ricadendo, finisce a terra infortunandosi alla spalla ed è costretto ad abbandonare il campo.

Siamo bravi a rimanere concentrati sulla partita e ad andre all’ultima mini-pausa sul -2 con la contesa nuovamente aperta.

Il quarto periodo è, da un punto di vista del punteggio (6-6…), da minibasket: la paura di perdere la fa da padrone e, se da un lato la difesa svolge il suo lavoro a dovere costringendo in diversi frangenti i giocatori di Coach Ostan all’infrazione di 24” o a tiri affrettati negli ultimi secondi dell’azione, dall’altro l’attacco ha le polveri bagnate. Il canestro decisivo per i padroni di casa arriva proprio dopo una gran azione difensiva da parte nostra al termine della quale, però ci siamo dimenticati di prendere il rimbalzo, finito nelle mani di Zandonà veloce a convertire a canestro ed a subire fallo. Sul suo errore dalla linea della carità, a due secondi dalla fine, c’è solo il tempo per recuperare il rimbalzo e per vedere gioire i padroni di casa per la meritata vittoria.

In una sconfitta maturata subendo solo 51 punti pesano le basse percentuali al tiro, in particolare ai tiri liberi (17/28) ed al tiro da 3 (2/13).

Related Post